progetto
 

"S.O.S. INDIA - MUSICA"

 

Prossimo spettacolo: .............

 

Realizzando la “Bancarella della solidarietà” ci poniamo l’obiettivo di raccogliere fondi da destinare alle popolazioni del sud dell’India. 

 

Siamo un gruppo di famiglie di Tolentino che da anni, nell’ambito del ML di A.C. prima e ora anche nel CGS V. Bachelet, cerca di rafforzare e mantenere sempre vivo l’interesse nei confronti di bambini, orfani e lebbrosi che già vengono aiutati da tante persone della nostra città e non solo. 

 

È un’iniziativa che si affianca alle tante già promosse in diversi anni (spettacoli, CD, Video, adozioni a distanza) in collaborazione con il Sermit di Tolentino. 

 

L’intero ricavato viene consegnato personalmente, nei viaggi che periodicamente alcuni di noi fanno in India. 

 

Tutti gli oggetti della bancarella sono stati realizzati da noi o semi lavorati.

 

 

 

 VIAGGIO IN INDIA

Racconterò di te, non son riuscito ancora a raccontar di te, della tua vita che non si colora.

Racconterò di te, della tua pelle scura, di questa mano che hai stretto forte come mai nessuno. Racconterò di te, dei sogni che non puoi sognare quegli occhi dolci che vanno a caccia d’amore han segnato il mio cuore.

Racconterò di te, del riso e del sorriso, la grande pioggia che si prende tutto e poi ridà la vita. Racconterò di te, e di quell’accoglienza, che hai riservato a me, ai miei silenzi, alla mia diffidenza. Racconterò di te, che non hai un cuore da buttare, che sei degno più di me di un mondo che non faccia male.

Se è proprio vero che io credo in Dio Come accettare la tua sofferenza? Se tutto il male è nell’indifferenza mi metterò a cantare le tue storie, di te che muori solo perché hai fame sotto quel sole che non ti da pace con la tua dignità mortificata da chi non sa e non chiede di sapere.

 Racconterò di te, gioia e malinconia, racconterò di te, del poco che vorresti per volare. Racconterò di te, dei fiori profumati, racconterò di te goccia tra mille gocce abbandonate. Racconterò di te, veliero che non prende il mare, lo so, ora tocca a me salpare verso te.

Ma il mondo mio non sa più rallentare l’assurda corsa verso il primeggiare e non si accorge che c’è da rialzare un altro mondo che non riesce a urlare, un mondo che non sai, che non si sente ma che ha una storia ed anche una memoria ma è silenziosa perché è dignitosa raccontami di te.

Io canterò di te.

 

Testo e musiche di 

Massimo D'Este

 

 

  “Chiunque darà ad uno di questi piccoli

anche un solo bicchiere d’acqua in nome mio,

in verità vi dico non perderà la sua ricompensa…”

Mt 10,42

 

 

 

Home