Il sito www.cgsbachelet.org utilizza cookies tecnici e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Si evidenzia che, laddove non venga effettuata alcuna scelta e si decida di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, si acconsente all’uso di tali cookie.    OK, CHIUDI.

Facebook Twetter UstreamTV Youtube rss
SARTO PER SIGNORA di Georges Feydeau - anno 2004

 

Questa estate, dopo il successo di Giugno, riproporremo

“SARTO PER SIGNORA”,

una commedia di equivoci, molto simile, e scusate se lo cito ma è il mio scrittore preferito, all’ “Importanza di chiamarsi Ernesto-Onesto” di Oscar Wilde. Una divertentissima commedia, in cui una suocera 'pallosa’ (strano vero!) si intromette nel rapporto amoroso di sua figlia che è stata tradita da suo marito, un ‘Don Giovanni’ con i fiocchi la cui amante, di nome Susanna, è una giovane molto vanitosa e ‘ochetta’ che ama mettere le corna a suo marito il quale, a sua volta, la tradisce con un’altra, la quale a sua volta tradisce suo marito con un generale, il quale… … Beh! Come potete capire è più facile vederla che raccontarla.

Lucia Della Ceca


Sarto per signora (Tailleur pour Dames) fu scritta da Feydeau a venticinque anni, nel 1887, ed è da considerarsi il suo effettivo battesimo come autore teatrale e il suo primo grande successo comico. Non siamo ancora nella fase degli esasperati meccanismi drammaturgici de "La Dame de Chez Maxim", ma in una fase più leggera, come di studio, in cui l'autore sembra prendere le misure della grande tradizione del vaudeville francese del XIX° secolo. 



La sua regola prima era il provocare l'incontro di due personaggi che avevano il massimo interesse a sfuggirsi: il loro trovarsi faccia a faccia generava la sorpresa e scatenava l'intreccio. Feydeau contribuì ad imporre il vaudeville in modo definitivo, ad elevarlo a genere nobile affrancandolo dalla volgarità: un progetto analogo a quello di Goldoni che, un secolo prima, aveva riformato la Commedia dell'Arte. 


Molti critici, nell'analizzare la tecnica di Feydeau, hanno sottolineato il suo talento di commediografo "ingegnere", presentandolo come un costruttore di meccanismi comici di alta precisione. Ma egli ci mostra, deformato, lo spettacolo del mondo reale, divertendosi a sovrapporgli un suo universo fittizio, fino a che i due universi si confondono: l'uno più assurdo dell'altro


Personaggi ed interpreti


Moulineaux, medicoMichele Pinciaroli 

Bassinet, suo amico: Fabio Bacaloni 

Signor Aubin: Andrea Crocenzi

Yvonne, moglie di Moulineaux: Roberta Porfiri

Stefano, Maggiordomo: Francesco Paparelli

Signora Aigreville: Maria Chiara Teloni

Rosa, amante di Aubin: Lucia Della Ceca

Susanna: Chiara Ramo

Signora D'Herblay: Cinzia Crocenzi

Pomponette: Elisabetta Crocenzi


Regia: Sauro Savelli

 

foto spettacolo "Sarto per signora"

 

 

autore: Denise Grasselli  |  venerd 6 gennaio 2012

 

 

 

Chi siamo
Dove siamo
Cos'è il CGS VIttorio Bachelet
Cos'è il CGS cnos/ciofs
Chi è Vittorio Bachelet
Statuto
Direttivo
Progetti
Cinema
Teatro
Letteratura
Musica
Multimedia

Formazione/Animazione
Sostienici
5x1000
Documento di buona causa
Bacheca soci
Detto tra noi
Agenda associativa
Il CGS in Mostra
Moduli progetti
CGS web, come eravamo
Archivio
       
Il CGS online:
Facebook
Twetter 
You Tube
Ustream
Flickr
Feed RSS
Tesseramento Contattaci
Newsletter:

 
       

 

CGS Vittorio Bachelet onlus - Viale Trento e Trieste 15/A, 62029 Tolentino (MC) - C.F. 92006400433 - www.cgsbachelet.org - posta@cgsbachelet.org
Associazione di Volontariato socio-culturale iscritta all'Albo Regionale del Volontariato con Decredo del Dirigente del Servizio Beni e Attività Culturali n. 100/05 

 

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con
licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

 cookies policy | powered by: ifeelgoodweb