Il sito www.cgsbachelet.org utilizza cookies tecnici e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare questo sito ulteriormente. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Si evidenzia che, laddove non venga effettuata alcuna scelta e si decida di proseguire comunque con la navigazione all’interno del presente sito web, si acconsente all’uso di tali cookie.    OK, CHIUDI.

Facebook Twetter UstreamTV Youtube rss
Olio per il dolore, vino per l'allegria - GMCS 2014

 

Il Messaggio per la Giornata Mondiale delle comunicazioni sociali

"Olio per il dolore, vino per l'allegria"   

 
Le tecnologie di comunicazione hanno contribuito a farci vivere “in un mondo che sta diventando sempre più piccolo”, all’interno del quale, però, “permangono divisioni, a volte molto marcate” e, quindi, “molteplici forme di esclusione, emarginazione e povertà” e “conflitti in cui si mescolano cause economiche, politiche, ideologiche e, purtroppo, religiose”.
Così scrive Papa Francesco nel messaggio - reso pubblico in occasione della Festa di S. Francesco di Sales - per la 48ª Giornata Mondiale delle comunicazioni sociali, che viene celebrata domenica 1 giugno con il tema “Comunicazione al servizio di un’autentica cultura dell’incontro”.
Proprio i media, fa capire il Papa, possono aiutare a “farci sentire più prossimi”, a farci “percepire un rinnovato senso di unità della famiglia umana” e a favorire “la cultura dell’incontro”.
Il Messaggio non ignora gli aspetti problematici dell’odierna comunicazione: “la velocità dell’informazione”, che “supera la nostra capacità di riflessione e giudizio”; “la varietà delle opinioni”, che da ricchezza può risolversi in “una sfera di informazioni che corrispondono solo alle nostre attese e alle nostre idee”; un ambiente comunicativo che può disorientare, fino a “isolarci dal nostro prossimo”.
Rispetto a questi limiti, Papa Francesco ricorda che la comunicazione rimane “una conquista più umana che tecnologica”: in quanto tale, essa richiede un recupero di “lentezza” e di “calma”, di “tempo” e di “silenzio”, condizioni per imparare a “guardare il mondo con occhi diversi”. In tale contesto, spiega, la parabola evangelica del buon samaritano si rivela anche “una parabola del comunicatore”, di colui che, proprio perché comunica, si fa prossimo.
Il Papa addita alla Chiesa “le «strade» digitali”, a loro volta “affollate di umanità, spesso ferita”, che domanda di “sapersi inserire nel dialogo con gli uomini e le donne di oggi, per comprenderne le attese, i dubbi, le speranze, e offrire loro il Vangelo, cioè Gesù Cristo”. A queste condizioni la comunicazione si fa “olio profumato per il dolore e vino buono per l’allegria”.

 


Allegati da scaricare
:
Il Messaggio del Papa.docx

 

 

 

autore: Denise Grasselli  |  domenica 26 gennaio 2014

 

 

 

Chi siamo
Dove siamo
Cos'è il CGS VIttorio Bachelet
Cos'è il CGS cnos/ciofs
Chi è Vittorio Bachelet
Statuto
Direttivo
Progetti
Cinema
Teatro
Letteratura
Musica
Multimedia

Formazione/Animazione
Sostienici
5x1000
Documento di buona causa
Bacheca soci
Detto tra noi
Agenda associativa
Il CGS in Mostra
Moduli progetti
CGS web, come eravamo
Archivio
       
Il CGS online:
Facebook
Twetter 
You Tube
Ustream
Flickr
Feed RSS
Tesseramento Contattaci
Newsletter:

 
       

 

CGS Vittorio Bachelet onlus - Viale Trento e Trieste 15/A, 62029 Tolentino (MC) - C.F. 92006400433 - www.cgsbachelet.org - posta@cgsbachelet.org
Associazione di Volontariato socio-culturale iscritta all'Albo Regionale del Volontariato con Decredo del Dirigente del Servizio Beni e Attività Culturali n. 100/05 

 

Licenza Creative Commons
Quest' opera è distribuita con
licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

 cookies policy | powered by: ifeelgoodweb